en  fr  cs  de  et  el  es  ga  hr  it  pl  ro  sq  sk  sl  sv  nn  sr  bs  lt  mk  lb  nl  hy  pt  tr  da  bg  fi  hu  ka  lv  eu  ca  ru  gl

Perché una Giornata europea delle lingue?

Non ci sono mai state molte opportunità di lavoro o studio in un altro paese europeo - ma la mancanza di competenze linguistiche impedisce a molti di approfittare di queste possibilità.

La globalizzazione e le nuove esigenze delle imprese fanno capire che i cittadini hanno sempre più bisogno di conoscere lingue straniere per lavorare efficacemente nei rispettivi paesi. L’inglese da solo non basta più.

In Europa si parlano numerosissime lingue - ci sono oltre 200 lingue europee e molte altre ancora che sono parlate dai cittadini la cui famiglia d'origine proviene da altri continenti. Questa è una risorsa importante per essere riconosciuto, utile e stimato.

L'apprendimento delle lingue porta benefici ai giovani e ai meno giovani - non si è mai troppo vecchi per imparare una lingua e godere delle opportunità che essa offre. Anche se si conosce solo qualche parola della lingua del paese che si visita (per esempio in vacanza), questo vi permette di instaurare nuove amicizie e avere nuovi contatti.

Imparare le lingue degli altri popoli è un modo di aiutarci a comprendere meglio la loro cultura ma anche superare le nostre differenze culturali.

Obiettivi

Le competenze linguistiche sono una necessità e un diritto per tutti - questo è uno dei messaggi principali della Giornata europea delle lingue.

Gli obiettivi generali sono quelli di sensibilizzare su:

  • la ricchezza della diversità linguistica dell'Europa, che deve essere preservata e valorizzata;
  • la necessità di diversificare la gamma di persone che imparano le lingue (comprese le lingue meno diffuse), che si traduce in plurilinguismo;
  • la necessità per le persone di sviluppare un certo grado di conoscenza di due lingue o più per essere in grado di svolgere appieno il loro ruolo nella cittadinanza democratica in Europa.
… Il Comitato dei Ministri ha deciso di dichiarare una Giornata europea delle lingue da celebrare il 26 settembre di ogni anno. Il comitato ha raccomandato che la Giornata deve essere organizzata in modo decentrato e flessibile secondo i desideri e le risorse degli Stati membri, che, così facendo consentirebbe loro di definire meglio i propri metodi, e che il Consiglio d'Europa proporrà un tema comune di ogni anno. Il Comitato dei Ministri invita l'Unione europea ad aderire al Consiglio d'Europa in questa iniziativa. C’è'da sperare che la Giornata sarà celebrata con la collaborazione di tutti i partner interessati.
Decisione del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa, Strasburgo (776 meeting - 6 dicembre 2001)